La cattedrale della Santa Maria

La Cattedrale di Zagabria è il lavoro architettonico più grande e stilisticamente eloquente dell'architettura religiosa in stile gotico a sud est delle Alpi.

+385 1 48 14 727

La disposizione del santuario con dei sottili archi incrociati entro tre absidi poligonali aperte dalle finestre strette, assomiglia alle idee francesi (città di Troyes). Grazie all'elaborazione delle volte di altezza uguale, sollevate posteriormente, corrisponde ai disegni di costruzione della moderna architettura tedesca, mentre la scultura creativa riflette i contatti con le scuole ceche. Tutto questo dimostra non solo un'anticipata penetrazione dello stile gotico nel nord della Croazia e l'internazionalizzazione dell'arte, ma anche l'importanza in quel periodo della diocesi di Zagabria e la reputazione ed il grande potere dei suoi vescovi. Fin dall'inizio la cattedrale è stata dedicata alla Vergine Maria, ovvero Assunta (Assunzione popolare). San Stefano, il re d'Ungheria, nonostante sottolineato in primo luogo, è solo il secondo patrono.

La storia della costruzione della cattedrale di re Ladislav (1040-1095) dopo della fondazione della diocesi di Zagabria, dice che probabilmente non è stato lui a costruire la nuova chiesa, ma ha deciso che quella esistente diventera la cattedrale. La costruzione della nuova cattedrale ebbe inizio dopo la sua morte. È stata completata nel 1217 e consacrata dal re Andrija II (1205-1235) in passaggio da queste parti durante la Grande Crociata. Già nel 1242, i Tatari hanno distrutto la cattedrale appena costruita e il vescovo Stefano II (1225-1247) ha ordinato la costruzione della cappella di San Stefano per lo svolgimento delle messe. Oggi, questo edificio romanico-gotico è incorporato dentro il tavolo arcivescovile. Il vescovo Timotej (1263-1287) ha iniziato la costruzione di una nuova cattedrale monumentale nella quale sono stati incorporati i resti della cattedrale Tatar e l'ha dedicata a San Stefano, il re ungherese. Riuscì a costruire una centrale e due absidi laterali con altari e la sacrestia. Gli affreschi della sacrestia (iconografici molto interessanti - San Quirino tra San Domenico e San Francesco) hanno le origini probabilmente nel periodo del vescovo Agostino Kažotić (1303-1322). Il vescovo Eberhard (1397-1406 e 1410-1419) è stato responsabile della costruzione di tre navate (come dimostra il cappotto del suo vescovo di armi sulle pareti e colonne) e grazie al vescovo Osvald Thuz (1466-1499), l'intero edificio è stato coperto. Poi cominciò a costruire il campanile sul lato sud della facciata che non è stato completato fino al Seicento, come un edificio rinascimentale-barocco. A causa della minaccia turca, il vescovo Thuz ha iniziato la costruzione di una fortezza intorno alla cattedrale. La costruzione durò fino al 1517 quando è stata finita grazie al responsabile della diocesi di Zagabria, larcivescovo Toma Bakač. Di fronte alla cattedrale è stata costruita una torre che porta il suo nome. È stata distrutta dopo l'ultimo restauro della cattedrale nel 1906. Nel corso del Seicento la cattedrale è stata ripetutamente danneggiata  dagli incendi, ma durante la sua ristrutturazione la parte interna è stata arricchita da un inventario prezioso - altari barocchi (in legno e marmo) e il pulpito realizzato dallo scultore Mihael Cusse (Kuše), che si trova ancora oggi nella navata centrale. L'interno della cattedrale è stato arricchito anche dopo. Il vescovo Aleksandar Alagović (1829 - 1837) ha procurato un quadro di Santa Maria, che è stato messo al altare principale e vicino al canto corale. L'arcivescovo Juraj Haulik (1837-1669) ha tolto questo quadro (l'ha venduto alla sua parrocchia in Pregrada), ed ha eretto un altare maggiore neogotico al posto del quadro. Inoltre, nel 1855, ha acquisito un grande organo (tre manuali, pedaliera e 53 registri) dalla ditta Walcker di Ludwigsburg. Infine, Haulik diede a dipingere le finestre del santuario. Queste sono le più antiche vetrate in Croazia. Nel tentativo di ritrovare l'aspetto originario della cattedrale, a Zagabria è stato invitato il professore viennese dell'architettura Friedrich Schmidt che aveva portato con se il suo allievo Hermann Bolle. Tuttavia, un catastrofico terremoto nel 1880 ha gravemente danneggiato la cattedrale, ma la parte interna ha ricevuto caratteristiche neogotiche. Questo è stato evidenziato soprattutto dalla forma della facciata e dai due campanili neogotici (circa 105 m di altezza) che nel 1902 hanno definito l'aspetto attuale della cattedrale. Negli ultimi 30 anni la cattedrale ha visto degli importanti lavori di ricostruzione. Siccome durante la ricostruzione di Bolle (per ragioni economiche e la vicinanza della cava) si utilizzava una pietra substandard (cave zagabresi Bizek e Vrapče), soprattutto per i nuovi campanili e la fronte occidentale, ben presto, a causa dell'impatto dell'atmosfera e l'inquinamento urbano (smog e fattori chimici), l'edificio ha iniziato a deteriorarsi . Questo è stato osservato per la prima volta sulla facciata della cattedrale e sulle sculture in pietra (ad es. torrette con flaconi) che alla fine sono state competamente distrutte. La prima ricostruzione di una parte del campanile sud è iniziata nel 1938 (durante il regime comunista fu abbandonata); proseguita nel 1968 quando è stata ricostruita la punta settentrionale del campanile, e poi, soprattutto grazie alle donazioni della diaspora croata, è stato completamente ristrutturato il tetto e sostituito con le lastre di rame. Nel 1987 l'arcivescovo Franjo Kuharic fondò il Comitato dell'Arcidiocesi di Zagabria per la ricostruzione della cattedrale, ma anche il Comitato di lavoro fatto dagli esperti selezionati. Dopo aver selezionato i progettisti e le imprese (conservazione e restauro opere) il restauro ebbe inizio nel 1990. Da allora la ristrutturazione segue delle fasi e delle priorità e dal 1999 il Comitato pubblica periodicamente la rivista La nostra Cattedrale, che tratta di argomenti riguardanti le fasi più complesse della ricostruzione.

Celebrità di Zagabria

50Cent

50Cent

Ero felicissimo di visitare Zagabria, soprattutto perché venivo con mia madre. Il mio staff si è informato bene per farci vedere le cose principali della città!

Source: Hotel Antunović Zagreb

Melanie Fiona

Melanie Fiona

Mi dispiace per non poter rimanere di più ma sono rimasta veramente stupita da Jarun, sia il lago sia tutti i club. C'è tutto il necessario per divertirsi.

Source: Hotel Antunović Zagreb

Alex Kapranos

Alex Kapranos

Alex Kapranos (Franz Ferdinand) ha parlato di Zagabria sul suo blog: http://bit.ly/nO3yin

Source: www.guardian.co.uk

 

Chris Urbanowicz

Chris Urbanowicz

Ricordo l'esibizione durante l'Inmusic festival. Non vedo l'ora di rivedere i miei fans. Credo che sarà molto emozionante.

Source: www.tportal.hr

THE BLACK KEYS (Patrick)

THE BLACK KEYS (Patrick)

Questa è la nostra prima volta a Zagabria. Ci piace tanto. Non avremo tempo per vedere la costa, ma ci rilasseremo e andremo in giro...

Fonte: INmusic festival

David Byrne

David Byrne

Zagabria è perfetta per andare in bici, ad eccezione della parte collinare della città. David Bryne (Talking Heads), in occasione della pubblicazione del libro "Diari della bicicletta".

Source: www.mvinfo.hr

Jesse Eisenberg

Jesse Eisenberg

Jesse Eisenberg ha trascorso l'autunno del 2007 a Zagabria. Zagabria è una città stupenda. Mi sono divertito visitando la vecchia parte della città ed uscendo di sera nei diversi club. Mi è piaciuto anche il fatto che la città è vicina all'Austria ed Italia. Ho trascorso i miei weekend a Venezia, Milano, Lubiana, Graz, Spalato...

Source: www.vjesnik.com

Courtney Thorne Smith

Courtney Thorne Smith

Grazie per una delle migliori esperienze dell'ospitalità alberghiera. Le camere erano bellissime, il personale stupendo, ogni momento era perfetto. E Zagabria... Magica! Perfetta!

Source: Esplanade Zagreb Hotel

Baka DJ, Ruth Flowers

Baka DJ, Ruth Flowers

Zagabria è bellissima. Quello che mi è piaciuto di più è la gente. Tutti sono molto gentili e amichevoli. Non potevo augurarmi un ospitalità migliore. 

Source: Hotel Antunović Zagreb

Snoop Dog

Snoop Dog

Mi piace tutto, le ragazze sono bellissime, il servizio ottimo. Non posso chiedere più di questa città.

Source: Hotel Antunović Zagreb