Search

Sud


Author: Demjan Rožman; Source: Archives of Karlovac Tourist Board

Karlovac

Situato nel punto di confluenza di tre fiumi, Karlovac fu fondata nel tardo Cinquecento da parte dell’Arciduca Carlo di Styria per difendere l’Europa centrale dagli Ottomani. Anche se le mura cittadine furono per gran parte demolite tempo fa, il parco cittadino segue ancora la matrice a forma di stella delle fortificazioni

 

originarie. Le sponde erbose del fiume Korana, a breve distanza a piedi dal centro, offrono lo spazio ideale per prendere il sole – o per dare da mangiare ai cigni.

 

 



Source: Archives of Zagreb County Tourist Board

Donja Kupčina

Diversi villaggi a ovest di Zagabria preservano antiche fattorie in legno, ed alcuni degli esemplari migliori si trovano nel villaggio di Donja Kupčina, a sud-est di Karlovac. Un piccolo museo di patrimonio culturale locale (Zavičajni muzej) espone un gruppo di costruzioni ottocentesche piazzate intorno ad una radura. Collezioni di lino prodotto localmente e di costumi ricamati a mano arricchisce l’esposizione.

Ozalj

A nord-ovest di Karlovac, la cittadina di campagna di Ozalj è sovrastata da un robusto castello, arroccato sopra il fiume di Kupa. Gli oggetti esposti nel museo del castello sono legati alle famiglie nobili di Zrinski e Frankopan, le più importanti della storia croata. Il museo rende omaggio alla cultura di corte del Seicento, all’apice della storia di Ozalj.

 

Di forti similitudini con un castello medievale è la Munjara, una centrale idroelettrica neogotica costruita sul fiume Kupa nel 1908. Le sue turbine, di costruzione austriaca e montate nel 1926, sono ancora in funzione.


Slunj

Se state viaggiando da Zagabria verso i Laghi di Plitvice prendete in considerazione una sosta a Slunj, una città situata sul pendio montano sopra al fiume Korana. Alle sponde del fiume si trova il sobborgo di Rastoke, dove le acque torrenziali del fiume Slunjčica

 

alimentano un gruppo di mulini ad acqua. Ci si può esplorare un labirinto impressionante di canali costruiti dall’uomo e ponti in legno, mentre nei ristoranti in riva al fiume si può gustare la trota locale.

 

 



Author: Ante Bionda

Parco Nazionale di Plitvice

L’area protetta più grande della Croazia ed una delle attrazioni turistiche più popolari del paese è il Parco Nazionale di Plitvice, che offre ai visitatori un paesaggio unico e rimane impresso per sempre nella memoria. Al suo centro si trovano diversi laghi turchesi, ognuno alimentato da una serie di cascate terrazzate. Queste cascate si formarono, nel corso di millenni, grazie ad un sedimento naturale chiamato travertino, raccolto dai fiumi montani e depositati durante il percorso formando dighe naturali. Questo processo è ancora in atto, e si può notare

 

il travertino, di colore grigioargenteo, che riveste ciottoli e piante nei laghi di Plitvice. La foga tonante delle rapide fa da contrasto alla calma dei laghi maggiori, anche se il silenzio spesso viene interrotto dal felice gracidio delle rane. Sopra i laghi troviamo foreste fitte di abeti e faggi, l’habitat ideale per cervi, lupi, linci ed orsi bruni. Il Parco è molto ben organizzato ad accogliere i visitatori, con un eccellente sistema di segnaletica, di sentieri che passano accanto ai laghi e passerelle in legno che attraversano le rapide. Il biglietto d’ingresso include

 

il passaggio gratuito sulle barche che attraversano il lagho principale di Plitvice e sul trenino che costeggia il lato orientale del Parco, collegando le due entrate principali.



Author: Slavko Bionda; Source: Archives of Public institution Barać caves

Le grotte di Barać

Ad est dei Laghi di Plitvice si trova un’area di roccia calcarea porosa che presenta numerose caverne e passaggi. La zona più accessibile sono le Grotte di Barać (Baraćeve špilje), dove i visitatori possono partecipare alla visita guidata di 40 minuti attraverso un paesaggio

 

sotterraneo sbalorditivo, fatto di stalagmiti e stalattiti. Le grotte sono un importante rifugio per i pipistrelli – una delle attrazioni più particolari è un’enorme ammasso di escrementi di pipistrello.

 

 

 

Opuscolo