Search

Nord


Source: Archives of Public institution Nature Park Medvednica

Medvednica

Le pendici coperte di verde del monte Medvednica (spesso chiamata con il nome della sua cima più alta, Sljeme) offrono un rifugio nella natura che dista solo una corsa di tram dal centro della città. Gli escursionisti possono scegliere tra sentieri ben segnalati che portano ai rifugi di montagna (“planinarski dom”) dove si può mangiare cibo fresco, naturale ed economico. Il

 

Parco Naturale di Medvednica è un rifugio per animali e piante, e presenta diverse rarità culturali e geologiche. La grotta di Veternica, ad esempio, è situata in un paesaggio carsico di 10 kmq ricco di formazioni rocciose. La caverna principale è lunga più di due chilometri, di cui i primi 380 m sono aperti al pubblico. Si possono vedere le ossa di un orso delle caverne ed osservare, ma anche adottare,

 

gli attuali abitanti della caverna, i pipistrelli. Si possono visitare le miniere d’argento di Zrinski, in funzione dal Cinquecento quando il conte Petar Zrinski ebbe il permesso di scavare alla ricerca di metalli preziosi. Dopo due secoli di scavi, alcuni dicono che il sistema di caverne si estende fino alla Città Alta nel centro di Zagabria.


Gornja Stubica

Gornja Stubica (Stubica Superiore) offre un’atmosfera da piccolo villaggio ed un panorama montuoso. Per molti croati il nome è sinonimo con Matija Gubec, condottiero delle rivolte contadine del Cinquecento. Gubec fu catturato, portato in carro a Zagabria, incoronato con una corona di ferro rovente ed infine squartato indecorosamente.

 

Un antico tiglio che cresce accanto ad una casa rustica di legno (oggi un pub) è l’unico testimone vivente dei tempi di Gubec. A pochi passi troviamo il Palazzo Oršić che offre ai visitatori un’esposizione che racconta la storia di Gubec e la vita nello Zagorje.

 

 



Source: Archives of Public institution Nature Park Medvednica

Marija Bistrica

Marija Bistrica è uno dei santuari mariani più amati in Croazia, e richiama migliaia di pellegrini ogni anno. È una piccola città affascinante in mezzo ad un paesaggio campestre spettacolare, e la Chiesa di Santa Maria delle Nevi, situata in mezzo alla piazza centrale, è davvero

 

impressionante. Il santuario è dedicato alla Vergine Maria a causa di una statua nera di legno del Quattrocento rappresentante la Madonna con il Bambino. Un parroco, per la paura dell’invasione dei Turchi, nascose la statua ma morì prima di poter rivelare il nascondiglio. Decenni più

 

tardi la statua si rivelò da sola emettendo luce. La statua venne di nuovo nascosta per poi venire ritrovata nel Seicento, e viene venerata da quel giorno ad oggi, e diverse persone credono che abbia anche poteri di guarigione.


Belec

Riparato dietro il monte Ivanščica, il piccolo villagio di Belec conserva un esempio importantissimo di architettura sacrale: la Chiesa di Santa Maria delle Nevi. Racchiuso da una muraglia difensiva contro i Turchi, l’interno è adornato meravigliosamente, ricco di affreschi settecenteschi dipinti dal maestro locale Ivan Ranger ed uno splendido altare dorato creato dallo scultore proveniente da Graz, Josip Schokotnigg. Recentemente restaurata, vale la pena visitare questa meraviglia del barocco croato.

Lepoglava

Lepoglava, un’altra località religiosa molto importante, fu colonizzata da monaci Paolini nel 14esimo secolo. L’ordine costruì una splendida chiesa con un monastero e si dedicò all’educazione, alla medicina, alle arti ed alla cultura. Per decreto dell’imperatore Giuseppe II, l’ordine dei Monaci Paolini venne abolito ed i monaci lasciarono Lepoglava

 

nel 1786. Nel 1854 il monastero divenne un carcere. Mentre il penitenziario principale della Croazia risiede ancora nelle parti più recenti del monastero, nel 2001 la parte antica venne riconsegnata alla Chiesa. Anche il carcere è famoso, per aver detenuto prigionieri politici come Josip Broz e Franjo Tuđman.


Trakošćan

Quando si dice che Zagorje è un paese di castelli da favola, probabilmente ci si riferisce a Trakošćan. Una schiera di torri bianche posizionate sopra un lago, circondate da colline e boschi, Trakošćan è di una bellezza spettacolare. Venne trasformato da vedetta difensiva a residenza dalla famiglia nobile Drašković

 

nel 13esimo secolo, la quale, durante l’Ottocento, allargò il castello in stile romantico. Il castello ben conservato ospita un museo su quattro piani, dove ogni stanza è decorata in uno stile particolare.

 

 

 

Opuscolo